DEMONOLOGY HIFI, IL NUOVO PROGETTO DI MAX CASACCI E NINJA

Demonology HiFi

Dai concerti dei Subsonica ai dj set, con un solo obiettivo: redimere i peccatori!

Si scherza, ma Max Casacci e Ninja (Enrico Matta) hanno preso ispirazione proprio dalla musicalità dei predicatori statunitensi (ma anche quelli della nostrana Radio Maria che ha una frequenza “della Madonna, si prende ovunque!”) per un progetto fortemente esplorativo e sperimentale: si tratta di Demonology HiFi e Inner Vox, un disco che cerca di sintetizzare e rinchiudere, non senza difficoltà immaginiamo, in un ‘contenitore fisico’ – intendendo il cd ma anche la forma canzone – l’esperienza viva e pulsante dei dancefloor con cui il duo è venuto in contatto in questi ultimi due anni.

Sono diventati insomma dei veri predicatori del groove.

Quando e perché nasce Inner Vox?

Max – Questo progetto ha avuto origine due anni fa dai dj set che io e Ninja abbiamo cominciato a fare, con l’ambizione di divertirci, unendo l’ambito della musica elettronica a proposte provenienti da altri ambiti. Quando siamo andati avanti abbiamo capito che questo gioco stava diventato sistematico, abbiamo sentito l’esigenza di avere dei beat e abbiamo iniziato a pensare che potevamo creare noi delle strutture ritmiche e metterci sopra qualcos’altro. E così sono nate le fondamenta di questo album. Inoltre abbiamo sentito l’esigenza di separare questo progetto dal percorso della band, usando un avatar come avviene nella musica elettronica. Noi abbiamo creato un ambito narrativo, con canti gregoriani, voci di predicatori, e crocefissi led cinesi. Abbiamo giocato con i nostri ‘peccatori’ cercando di redimerli, perché dopo aver ballato per ore uno esce purificato. Inner Vox identifica molto bene il percorso tematico e narrativo dell’album che è fatto di dialoghi interiori, di coscienza. Un ronzio come quello degli insetti, come si deduce dalla copertina, che fa capolino tra una traccia e l’altra.

Che collegamento c’è tra Demonology HiFi e i Subsonica?

Ninja – C’è un elemento che collega Demonology HiFi al mondo dei Subsonica ed è la pulsazione, il ritmo della musica che suscita un coinvolgimento fisico. Questo è sempre stato importante, essenziale nei live, qui trova un maggiore spazio anche perché qui è sempre stato l’elemento di partenza. Le melodie sono state realizzate dagli ospiti del disco successivamente, mentre nelle canzoni dei Subsonica avveniva il contrario. Anche se qualcosa è stato usato anche per i nostri dischi come ad esempio i ritmi dispari (ad esempio Discolabirinto, che non è in 4/4).

Max -L’ambito di sperimentazione di questi anni è molto di più di quanto siamo riusciti a fare con i Subsonica e con le altre band con cui abbiamo suonato. Abbiamo avuto la possibilità di testare, di fare dei test diretti in consolle: se sgarri un beat di qualche bpm, un ingresso, un pezzo è più fiacco dell’altro, lo vedi subito. Ed è un rapporto molto appassionante tra la musica che stai scegliendo e come la stai somministrando. In questi due anni abbiamo testato chirurgicamente i beat, i ritmi, i nostri mix prima di arrivare a questo risultato finale. Paradossalmente è un album che ha avuto uno studio molto più lungo di qualsiasi album dei Subsonica, che nascendo dall’esuberanza di cinque musicisti diventa un lavoro di sottrazione. Qui invece è stata un’addizione costante e molto scientifica, protratta nel tempo.

Come sono stati scelti i collaboratori di questo disco (Cosmo, Birthh, Niagara, Populous, Bunna degli Africa Unite)?

Max – Non abbiamo scelto l’ospite sensazionale, ci siamo riferiti a quella nuova generazione di artisti italiani (stiamo attraversando a questo proposito una fase molto interessante) che approcciano la musica e si confrontano anche con l’universo della musica oltre confine. Per la prima volta senza abbassare la testa, considerandosi artisti di serie B: Birthh è una straordinaria artista di 19 anni, fiorentina, che incide per un’etichetta di San Francisco, e i Niagara incidono per un’etichetta di Londra, sono insomma tutti musicisti perfettamente integrati nello scenario internazionale e capaci di arrivare in radio, come ad esempio Cosmo, dopo aver fatto un lungo percorso di relazione con il proprio pubblico. Come abbiamo fatto noi alla fine degli anni Novanta.

Avete lavorato solo su queste tracce oppure ci sono altri pezzi che non sono stati inclusi nel disco?

Max – Abbiamo cose che sono rimaste nei computer in forma di base, che potranno essere spunti per il futuro. Però una base può anche bastare nella funzionalità del dj set. Pensavamo per un album di andare un po’ più a fuoco, di trasformare questi impulsi sonori in tracce. Alcuni di questi brani erano più funzionali per trasformare una suggestione ritmico-sonora in canzone, con altri il percorso è rimasto un po’ più indietro. Queste sono 11 tracce, per noi la durata è più che sufficiente. Siamo più affezionati forse alla durata dei vecchi lp che alle possibilità del cd, di estendere all’infinito la proposta per poi rischiare di annacquare tutto quanto.

Vuoi condividere questo post?Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito web si serve di cookies. I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati collocano all’interno di computer, telefoni o altri dispositivi, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita dell’utente.
Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi presenti sul sito che si sta visitando.
I cookie sono necessari per agevolare la navigazione e renderla più semplice, non danneggiando in alcun modo il computer.
Noi utilizziamo:
Cookie di analisi
Usiamo i cookie di Google Analytics per quantificare il numero di utenti che visitano il nostro sito. Possiamo inoltre misurare e analizzare come i nostri utenti navigano nel nostro sito. Tali informazioni ci consentono di migliorare costantemente i nostri servizi e la tua esperienza.
Per maggiori informazioni visita la pagina sulla privacy di Google Analytics. http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html
Cookie di terze parti
Alcune sezioni del sito utilizzano cookies di terze parti per garantire le interazioni con i social networks (ad esempio i tasti “Mi piace” o “Condividi” di Facebook, o il pulsante “+1″ di Google+).
Per maggiori informazioni:
Google+ http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/cookies – http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing
Facebook https://www.facebook.com/about/privacy – accedere al proprio account, sezione privacy
In nessun caso verranno raccolti dati di carattere personale. I cookie hanno un periodo di validità massimo di 2 anni. Navigando nel nostro sito web, accetti che questi cookie vengano scaricati sul tuo dispositivo e che acquisiamo dei dati durante le tue visite future.
Le informazioni memorizzate nei cookie del nostro sito web sono usate esclusivamente da noi, ad eccezione di quelli raccolti da terze parti (google analytics).
E possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser: la navigazione non autenticata sul sito sarà comunque disponibile in tutte le sue funzionalità. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell’help del software normalmente disponibile attraverso il tasto F1):
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Google Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Bloccare%20i%20cookie
Apple Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/
Adobe (plug-in for flash cookies): http://www.adobe.com/security/flashplayer/articles/lso/
In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo di opt-out fornito da Google per i browser principali. Ricorda che eliminando i nostri cookie o disattivando cookie futuri potresti non accedere ad alcune sezioni o funzionalità del sito.

Chiudi