I don’t want to drown in American society

15 again #L7 #riotgrrrls #nineties #power #grunge #punkforlife #concert #music #milano

Una foto pubblicata da Arianna Ascione (@aririot) in data:

Non pensavo che sarei mai riuscita a vedere dal vivo le L7, per inevitabili problemi anagrafici, ma fortunatamente la febbre da reunion ha contagiato anche la formazione losangelina. Certo, sfiga vuole che chi è nato troppo tardi (anni Ottanta nel mio caso, proprio quando le L7 si sono formate) debba vedersi le band i cui dischi ha divorato durante interminabili pomeriggi adolescenziali chiusa in camera ben lontane dal periodo di massimo splendore. Ma soprattutto debba fronteggiare con astio orde di amici e conoscenti quel filo più grandi che brandiscono gli “io ho visto i Gruppocheavreitantovolutovederesenonfossiandataallemedie nel 1991”.

E grazie.

L7

Ma, tornando al concerto delle L7 al Live Club di Trezzo sull’Adda, fortunatamente gli anni non hanno scalfito per niente queste icone punk (non nel senso stretto del genere, ma in quanto ad attitudine sicuramente sì). Donita Sparks e Jennifer Finch mostrano infatti a più riprese un’intesa sul palco difficile da ritrovare in molte formazioni moderne, più impegnate a crederci tantissimo che a suonare come dio comanda, e le sferzate di Suzi Gardner e Demetra Plakas regalano uno spettacolo coinvolgente e impeccabile.

Sì ok, magari sono di parte dato quello che hanno significato le L7 per me, magari i pezzi, ascoltati con le orecchie di oggi dopo tutto quello che c’è stato di mezzo, non riescono a rendere la loro carica rivoluzionaria appieno, ma è stato comunque un live pieno di continui tuffi al cuore.

Mi sono però chiesta se le convizioni di allora, che regalarono pezzi come American Society e Pretend We’re Dead, lottino ancora insieme a noi. Si sa, con il tempo si cresce, magari si mette su famiglia, e la vita potrebbe far prendere altre strade. Purtroppo non c’è stato modo di verificarlo dato che a parte qualche piccolo e breve saluto al pubblico (quello sì, nonostante o forse grazie ai tanti anni di attesa, letteralmente adorante) tra un pezzo e l’altro non ci sono stati racconti, aneddoti dei tempi che furono, o magari qualche comizio vero e proprio come quelli che fa Dennis Lyxzén quando è in giro con i Refused, anche loro riuniti da pochi anni quando nessuno ormai ci sperava e credeva più.

Di sicuro tu, sì tu, che urlavi quel “fuck me” a più riprese indirizzato alle quattro riot grrrls, delle L7 non hai proprio capito un cazzo.

Foto scaletta | via Hub Music Factory

Vuoi condividere questo post?Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito web si serve di cookies. I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati collocano all’interno di computer, telefoni o altri dispositivi, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita dell’utente.
Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi presenti sul sito che si sta visitando.
I cookie sono necessari per agevolare la navigazione e renderla più semplice, non danneggiando in alcun modo il computer.
Noi utilizziamo:
Cookie di analisi
Usiamo i cookie di Google Analytics per quantificare il numero di utenti che visitano il nostro sito. Possiamo inoltre misurare e analizzare come i nostri utenti navigano nel nostro sito. Tali informazioni ci consentono di migliorare costantemente i nostri servizi e la tua esperienza.
Per maggiori informazioni visita la pagina sulla privacy di Google Analytics. http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html
Cookie di terze parti
Alcune sezioni del sito utilizzano cookies di terze parti per garantire le interazioni con i social networks (ad esempio i tasti “Mi piace” o “Condividi” di Facebook, o il pulsante “+1″ di Google+).
Per maggiori informazioni:
Google+ http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/cookies – http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing
Facebook https://www.facebook.com/about/privacy – accedere al proprio account, sezione privacy
In nessun caso verranno raccolti dati di carattere personale. I cookie hanno un periodo di validità massimo di 2 anni. Navigando nel nostro sito web, accetti che questi cookie vengano scaricati sul tuo dispositivo e che acquisiamo dei dati durante le tue visite future.
Le informazioni memorizzate nei cookie del nostro sito web sono usate esclusivamente da noi, ad eccezione di quelli raccolti da terze parti (google analytics).
E possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser: la navigazione non autenticata sul sito sarà comunque disponibile in tutte le sue funzionalità. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell’help del software normalmente disponibile attraverso il tasto F1):
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Google Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Bloccare%20i%20cookie
Apple Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/
Adobe (plug-in for flash cookies): http://www.adobe.com/security/flashplayer/articles/lso/
In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo di opt-out fornito da Google per i browser principali. Ricorda che eliminando i nostri cookie o disattivando cookie futuri potresti non accedere ad alcune sezioni o funzionalità del sito.

Chiudi