ST. MARKS IS DEAD

380576_10150877111126786_1570586568_n

Una volta loro, i ricchi, ti guardavano schifati. Te, la tua cresta colorata e il tuo giubbino di pelle nera coperto di borchie e spillette di gruppi ormai sciolti da decenni.

Qualche giorno dopo però qualcuno tra loro decide che la zona in cui vivi, hei, non è affatto male. Alla fine gli piace il tuo essere un po’ naïf ai suoi occhi, questi strani animali metropolitani in fin dei conti sono anche pittoreschi. E poi, wow, le case fetenti di questo quartiere non costano un cazzo.

E fu così che il primo ricco innamorato di riflesso dell’anima punk – perchè lui punk in prima persona non poteva essere, non sarebbe stato credibile – si trasferisce. Chiamando altri amici come lui, altri ricchi, che si insinuano e contaminano casa tua, e la trasformano in una ricercata mecca, alzando così tanto i prezzi degli affitti che gli abitanti originari oggi non se li possono più permettere. E che così sono costretti a emigrare: ultimo in ordine di tempo lo storico negozio di Saint Marks Place, a New York, Trash and Vaudeville.

Trash and Vaudeville è sempre stato lì, al civico 4, dal 1975. Da più di 40 anni potevi trovare solo tra queste quattro mura – e due piani – capi di abbigliamento introvabili altrove, tinte per capelli shock, scarpe folli dalla suola altissima. Avete presente i jeans skinny neri resi famosi da Joey Ramone? Arrivano proprio da questo negozio, che aveva stabilito casa in un quartiere in cui è sempre battuto forte quel malandato cuore punk tenuto insieme dalle spille da balia.

Fino a qualche giorno fa.

Perchè questo ritrovo di menti creative e disadattate dovrà presto cambiare sede.

Il negozio, sì, non chiude, si sposterà di qualche isolato (96 East Seventh Street, vicino alla First Avenue), ma non è questo il punto – qui se volete un interessante articolo del NY Times -.

“St. Marks is dead”, insomma, per dirla con le parole di Ada Calhoun autrice del libro omonimo, anche se in realtà agonizzava da anni, soffocato dalle inarrestabili logiche di mercato. Le stesse che nel 2006 hanno chiuso il tendone del CBGB per sempre, le stesse che hanno trasformato Camden Town a Londra in un parco giochi per turisti, le stesse che hanno scacciato gli artisti dal Tacheles a Berlino, le stesse che hanno guidato la demolizione del Rolling Stone da noi.

E’ stata la gentrificazione, insaziabile e avida, a portarci via il nostro mondo pezzo dopo pezzo. Un (salatissimo) prezzo per conservare l’integrità.

Foto | Pagina Fb Trash and Vaudeville

Vuoi condividere questo post?Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito web si serve di cookies. I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati collocano all’interno di computer, telefoni o altri dispositivi, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita dell’utente.
Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi presenti sul sito che si sta visitando.
I cookie sono necessari per agevolare la navigazione e renderla più semplice, non danneggiando in alcun modo il computer.
Noi utilizziamo:
Cookie di analisi
Usiamo i cookie di Google Analytics per quantificare il numero di utenti che visitano il nostro sito. Possiamo inoltre misurare e analizzare come i nostri utenti navigano nel nostro sito. Tali informazioni ci consentono di migliorare costantemente i nostri servizi e la tua esperienza.
Per maggiori informazioni visita la pagina sulla privacy di Google Analytics. http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html
Cookie di terze parti
Alcune sezioni del sito utilizzano cookies di terze parti per garantire le interazioni con i social networks (ad esempio i tasti “Mi piace” o “Condividi” di Facebook, o il pulsante “+1″ di Google+).
Per maggiori informazioni:
Google+ http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/cookies – http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing
Facebook https://www.facebook.com/about/privacy – accedere al proprio account, sezione privacy
In nessun caso verranno raccolti dati di carattere personale. I cookie hanno un periodo di validità massimo di 2 anni. Navigando nel nostro sito web, accetti che questi cookie vengano scaricati sul tuo dispositivo e che acquisiamo dei dati durante le tue visite future.
Le informazioni memorizzate nei cookie del nostro sito web sono usate esclusivamente da noi, ad eccezione di quelli raccolti da terze parti (google analytics).
E possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser: la navigazione non autenticata sul sito sarà comunque disponibile in tutte le sue funzionalità. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell’help del software normalmente disponibile attraverso il tasto F1):
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Google Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Bloccare%20i%20cookie
Apple Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/
Adobe (plug-in for flash cookies): http://www.adobe.com/security/flashplayer/articles/lso/
In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo di opt-out fornito da Google per i browser principali. Ricorda che eliminando i nostri cookie o disattivando cookie futuri potresti non accedere ad alcune sezioni o funzionalità del sito.

Chiudi