IL VIDEO DI RED RONNIE CHE STA SPACCANDO L’INTERNET

535127_10208369800938831_4999799619050649644_n

Questo qui sopra è un video che sta spaccando l’internet (quasi 700mila visualizzazioni). Perchè?

Perchè dice tutto quello che gli artisti che non riescono a combinare un cazzo vogliono sentirsi dire, da uno che fino a qualche anno fa faceva i video di Letizia Moratti. Pat pat sulla spalla, siamo tutti geni incompresi. Dare la colpa ai talent se non si riesce a sfondare è come dire che il file sharing ha ammazzato le vendite dei dischi.

Ora, smettiamola di piagnucolare e mettiamo un attimo ordine alle idee: i talent ‘soffocano’ la musica.

Ma voi che musica fate?

Punk? Doom? Metal? Andiamo, pensate SERIAMENTE che un talent ostacoli la vostra grandezza inespressa in qualche modo? Volete davvero ritrovarvi le ragazzine ululanti per un autografo in un instore? Tra l’altro, negli anni quanti artisti di questi panorami ci han provato per poi lamentarsi di non essere stati presi. Perchè non apprezzano il talento: e grazie al cazzo, è un programma televisivo, voi fate grindcore.

Siete cantautori/indie/alternative? Il talent è il giusto spazio per voi? Dipende. Dipende da cosa vi verrà proposto, e se siete bravi interpreti oltre che bravi autori di belle canzoni. Oddio, poi magari vi viene la sindrome di Appino (il vecchio ‘lei non sa chi sono io’) e ‘un talent giammai’.
Come ho già detto, un talent è un programma televisivo. Offre visibilità su un target preciso. La volete sì? Ok. Non la volete? Bene uguale.

C’è un problema, sì, lo riconosco. Anche più di uno. Volete qualche esempio?

1- I locali che fan suonare chiudono come mosche, e a nessuno frega niente, tanto al loro posto ci costruiscono megacondomini di lusso e parcheggi.

2 – La gente fa quaqquaraqquà su Facebook, mette ‘partecipo’ a mille eventi e poi morire se li vedi ad un concerto a 5€ di ingresso con un gruppo che non conoscono, vanno solo nei posti e ai concerti a cui ‘fa figo andare’. Pure molti insospettabili rockerz-punkerz fin nel midollo. Per non parlare – e lo sapete – dei gruppi che spalano valangate di merda su altri gruppi, o con manie di grandezza da ‘io il backline non lo condivido’ (e chi suona SA di che genere di personaggi parlo).

Io non suono, ma ho visto moltissimi gruppi interessarsi ad una testata con cui collaboravo solo quando c’era su la loro fazza, e ci seguivano talmente bene che quanti demo ci sono arrivati a progetto chiuso. Così sostenete ‘la scena’? Bravi.

Cari miei, la verità è una: bisogna farsi il mazzo più di prima, il doppio, il triplo, il quadruplo.
Più canali, più modernità, più sbattimenti. Sempre muniti di una dose pressochè infinita di pazienza.

Questo è, fatevene – e facciamocene – una ragione. Adesso è così, magari più avanti le cose cambieranno, ma adesso è così, e tocca rimboccarsi le maniche e farsi il culo.

Gli interpreti (che poi sono quelli che i talent sfornano a paccate ogni anno) ci son sempre stati e ci saranno sempre. Cambiano solo i canali. Oggi ci sono i talent, domani qualche altra cosa.
E’ difficile, lo so, e mica solo per noi/voi. Gli autori, ecco forse è questo il problema, mancano autori che scrivano belle canzoni, manca il pubblico che le vada ad ascoltare, mancano dei canali ‘alternativi’ che una volta riuscivano a vivere (vivacchiare).

E infine, l’amara verità. Basta un corso per diventare un cantante tecnicamente bravo. Ma non è che avete tutti qualcosa di interessante da comunicare, un po’ di sana autocritica

ps. che quando ve lo facciamo notare noi-giornalisti ci invitate a darci all’agricoltura

Vuoi condividere questo post?Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito web si serve di cookies. I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati collocano all’interno di computer, telefoni o altri dispositivi, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita dell’utente.
Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi presenti sul sito che si sta visitando.
I cookie sono necessari per agevolare la navigazione e renderla più semplice, non danneggiando in alcun modo il computer.
Noi utilizziamo:
Cookie di analisi
Usiamo i cookie di Google Analytics per quantificare il numero di utenti che visitano il nostro sito. Possiamo inoltre misurare e analizzare come i nostri utenti navigano nel nostro sito. Tali informazioni ci consentono di migliorare costantemente i nostri servizi e la tua esperienza.
Per maggiori informazioni visita la pagina sulla privacy di Google Analytics. http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html
Cookie di terze parti
Alcune sezioni del sito utilizzano cookies di terze parti per garantire le interazioni con i social networks (ad esempio i tasti “Mi piace” o “Condividi” di Facebook, o il pulsante “+1″ di Google+).
Per maggiori informazioni:
Google+ http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/cookies – http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing
Facebook https://www.facebook.com/about/privacy – accedere al proprio account, sezione privacy
In nessun caso verranno raccolti dati di carattere personale. I cookie hanno un periodo di validità massimo di 2 anni. Navigando nel nostro sito web, accetti che questi cookie vengano scaricati sul tuo dispositivo e che acquisiamo dei dati durante le tue visite future.
Le informazioni memorizzate nei cookie del nostro sito web sono usate esclusivamente da noi, ad eccezione di quelli raccolti da terze parti (google analytics).
E possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser: la navigazione non autenticata sul sito sarà comunque disponibile in tutte le sue funzionalità. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell’help del software normalmente disponibile attraverso il tasto F1):
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Google Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Bloccare%20i%20cookie
Apple Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/
Adobe (plug-in for flash cookies): http://www.adobe.com/security/flashplayer/articles/lso/
In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo di opt-out fornito da Google per i browser principali. Ricorda che eliminando i nostri cookie o disattivando cookie futuri potresti non accedere ad alcune sezioni o funzionalità del sito.

Chiudi