THE BEATLES: EIGHT DAYS A WEEK

The Beatles: Eight Days a Week

Sarà nelle sale italiane dal 15 al 21 settembre “The Beatles: Eight Days a Week”, il film evento del regista premio Oscar Ron Howard. Che racconta un momento cruciale della storia del quartetto inglese:

“Mentre studiavo quegli anni – ha spiegato il regista – ho pensato che fosse l’avventura di quel viaggio la storia da raccontare, una sorta di cugina di Apollo 13; e volevo anche che riflettesse la cultura di quei tempi. Simultaneamente, potevamo esplorare le dinamiche dei Beatles come band, la loro fu una specie di fratellanza, ma anche come individui; perché crebbero molto, e cambiarono fortemente dopo essere stati messi alla prova come individui e come gruppo”

Si tratta del primo docufilm autorizzato sulla band da oltre 45 anni, il racconto delle imprese live della band dai primi giorni ai concerti che hanno fatto la storia della musica: dai tempi del Cavern Club di Liverpool fino allo storico Candlestick Park di San Francisco, la storia di come John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr si sono uniti diventando quel fenomeno straordinario che tutti conosciamo come ‘I Beatles’.

“The Beatles: Eight Days a Week” contiene filmati rari e inediti (tra cui 30 minuti esclusivi della storica performance allo Shea Stadium del 15 agosto 1965, in quello che fu il primo concerto rock di fronte a più di 55.000 persone), che esplorano il dietro le quinte della band, il modo in cui prendevano le decisioni, creavano la loro musica e costruivano insieme la loro carriera.

L’aspetto incredibile dei filmati d’epoca è che in molti casi i filmini amatoriali dei concerti avevano una qualità audio pessima dato che la musica della band era impercettibile a causa delle grida dei fan. Pazzesco a pensarci oggi:

“Il problema dei primi filmati dal vivo dei Beatles è il rumore della folla, gli applausi, le urla, e il fatto che c’è sempre un rumore di fondo che copre tutto – ha detto lo sceneggiatore e produttore esecutivo Mark Monroe – Ma la tecnologia ci ha permesso di isolare le urla, abbassandone il volume per sentire meglio la musica”

Il film termina con un estratto del famoso concerto del 1969, quando i Beatles si esibirono per amici e colleghi in cima al tetto dell’edificio che ospitava il loro ufficio, al numero di 3 di Savile Row, nel centro di Londra. E forse fu la prima volta in cui fu possibile sentire bene la band in un concerto, dagli ormai lontani giorni di Amburgo.

Vuoi condividere questo post?Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito web si serve di cookies. I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati collocano all’interno di computer, telefoni o altri dispositivi, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita dell’utente.
Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi presenti sul sito che si sta visitando.
I cookie sono necessari per agevolare la navigazione e renderla più semplice, non danneggiando in alcun modo il computer.
Noi utilizziamo:
Cookie di analisi
Usiamo i cookie di Google Analytics per quantificare il numero di utenti che visitano il nostro sito. Possiamo inoltre misurare e analizzare come i nostri utenti navigano nel nostro sito. Tali informazioni ci consentono di migliorare costantemente i nostri servizi e la tua esperienza.
Per maggiori informazioni visita la pagina sulla privacy di Google Analytics. http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html
Cookie di terze parti
Alcune sezioni del sito utilizzano cookies di terze parti per garantire le interazioni con i social networks (ad esempio i tasti “Mi piace” o “Condividi” di Facebook, o il pulsante “+1″ di Google+).
Per maggiori informazioni:
Google+ http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/cookies – http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing
Facebook https://www.facebook.com/about/privacy – accedere al proprio account, sezione privacy
In nessun caso verranno raccolti dati di carattere personale. I cookie hanno un periodo di validità massimo di 2 anni. Navigando nel nostro sito web, accetti che questi cookie vengano scaricati sul tuo dispositivo e che acquisiamo dei dati durante le tue visite future.
Le informazioni memorizzate nei cookie del nostro sito web sono usate esclusivamente da noi, ad eccezione di quelli raccolti da terze parti (google analytics).
E possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser: la navigazione non autenticata sul sito sarà comunque disponibile in tutte le sue funzionalità. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell’help del software normalmente disponibile attraverso il tasto F1):
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Google Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Bloccare%20i%20cookie
Apple Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/
Adobe (plug-in for flash cookies): http://www.adobe.com/security/flashplayer/articles/lso/
In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo di opt-out fornito da Google per i browser principali. Ricorda che eliminando i nostri cookie o disattivando cookie futuri potresti non accedere ad alcune sezioni o funzionalità del sito.

Chiudi