I THE RUMJACKS TORNANO A TROVARCI: LE NUOVE DATE ITALIANE

87656ed2-0656-4b3c-a229-57e1b878da9d
Dopo la pubblicazione di Sleepin’ Rough e un tour che li ha visti protagonisti sui palchi di tutta Europa i The Rumjacks tornano a trovarci. Il quartetto di Sydney  punk-celtic folk, nato nel 2008 da un’idea di Frankie McLaughlin e del bassista Johnny McKelvey, sarà in Italia per ben quattro date ovvero 30 novembre – Arsenale (Trento), 1 dicembre – Bloom (Mezzago), 2 dicembre – Traffic (Roma), 3 dicembre – Swamp (Massa).

La nostra musica è come una tempesta nel tuo cuore. Abbiamo consumato i dischi irish dei nostri parenti, arrivando col tempo a trovare il giusto mix tra la nostra indole punk e quelle sonorità! La nostra forza live credo sia quella di trovarci bene con qualsiasi band, arrivando ad ampliare la nostra fanbase show dopo show –Frankie McLaughlin (The Rumjacks)

In attesa di assistere dal vivo alle loro perfomance vi riproponiamo l’intervista che abbiamo fatto alla band lo scorso anno. Se ve l’eravate persa questo è il momento buono per recuperarla!

(pubblicazione originale 3 settembre 2016)

E’ da poco uscito il vostro nuovo album, Sleepin’ Rough: ci raccontate un po’ com’è andata in studio?

Questa volta ci siamo praticamente chiusi alcune settimane in studio e abbiamo registrato tutto in diretta in una grande stanza. Questa è la prima volta che registriamo in questo modo e penso che tu possa sentirlo nell’album. Bello e ruvido.

State avendo molto successo in Europa, un sacco di vostri concerti sono andati sold out. Cosa riesce a dare la vostra musica alla gente secondo voi?

Ottima domanda. Immagino che sia questo il bello della musica: ognuno ne ricaverà cose diverse. Durante un concerto ci si diverte ma si vive anche qualcosa di più profondo attraverso determinati testi, è questo che rende la musica così personale.

Il brano A Fistful O’ Roses parla di club che chiudono a Sidney: oggi essere un musicista sembra essere un’impresa

Essere un musicista è molto difficile in generale, non solo a Sydney. La cosa migliore che possiamo fare è continuare a fare tour, soprattutto all’estero. Mentre a Sydney stanno chiudendo molti club in Europa se ne stanno aprendo sempre di più.

Si parla spesso della necessità di ricostruire la scena, c’è una ricetta magica secondo voi?

Andate ai concerti! Scoprite nuova musica! Se vedete o sentite qualcosa che vi piace allora supportatelo. Comprate dischi, fate tutto quello che potete. Organizzate concerti se riuscite oppure promuoveteli. Ogni piccola cosa può essere di grande aiuto.

Vuoi condividere questo post?Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito web si serve di cookies. I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati collocano all’interno di computer, telefoni o altri dispositivi, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita dell’utente.
Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi presenti sul sito che si sta visitando.
I cookie sono necessari per agevolare la navigazione e renderla più semplice, non danneggiando in alcun modo il computer.
Noi utilizziamo:
Cookie di analisi
Usiamo i cookie di Google Analytics per quantificare il numero di utenti che visitano il nostro sito. Possiamo inoltre misurare e analizzare come i nostri utenti navigano nel nostro sito. Tali informazioni ci consentono di migliorare costantemente i nostri servizi e la tua esperienza.
Per maggiori informazioni visita la pagina sulla privacy di Google Analytics. http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html
Cookie di terze parti
Alcune sezioni del sito utilizzano cookies di terze parti per garantire le interazioni con i social networks (ad esempio i tasti “Mi piace” o “Condividi” di Facebook, o il pulsante “+1″ di Google+).
Per maggiori informazioni:
Google+ http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/cookies – http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing
Facebook https://www.facebook.com/about/privacy – accedere al proprio account, sezione privacy
In nessun caso verranno raccolti dati di carattere personale. I cookie hanno un periodo di validità massimo di 2 anni. Navigando nel nostro sito web, accetti che questi cookie vengano scaricati sul tuo dispositivo e che acquisiamo dei dati durante le tue visite future.
Le informazioni memorizzate nei cookie del nostro sito web sono usate esclusivamente da noi, ad eccezione di quelli raccolti da terze parti (google analytics).
E possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser: la navigazione non autenticata sul sito sarà comunque disponibile in tutte le sue funzionalità. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell’help del software normalmente disponibile attraverso il tasto F1):
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Google Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Bloccare%20i%20cookie
Apple Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/
Adobe (plug-in for flash cookies): http://www.adobe.com/security/flashplayer/articles/lso/
In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo di opt-out fornito da Google per i browser principali. Ricorda che eliminando i nostri cookie o disattivando cookie futuri potresti non accedere ad alcune sezioni o funzionalità del sito.

Chiudi