I GALANTIS ARRIVANO IN CONCERTO AL FABRIQUE DI MILANO, LA NOSTRA INTERVISTA

Galantis

Dopo aver lavorato per anni come autori e produttori per artisti del calibro di Madonna, Kylie Minogue, Katy Perry, Britney Spears e Icona Pop i due dj Christian Karlsson (aka Bloodshy) e Linus Eklöw (aka Style of Eye) un giorno hanno deciso di unire le forze e dare vita ai Galantis. Il duo, che lo scorso settembre ha pubblicato il suo secondo disco The Aviary, ha iniziato a farsi conoscere nel nostro Paese con il brano No Money e da qualche settimana è uscito un altro singolo nuovo di zecca, Tell Me You Love Me. In attesa dell’arrivo dei Galantis in Italia a febbraio abbiamo fatto loro qualche domanda.

***

Ci raccontate un po’ della vostra storia?

Bloodshy: Ci siamo conosciuti grazie agli altri nostri progetti, io stavo lavorando al primo disco di Miike Snow e Linus si è occupato del remix del brano Animal. E’ venuto in studio, ci siamo incontrati in studio. Credo sia proprio quello il momento in cui i Galantis sono nati.

Quali sono gli artisti che hanno influenzato (e influenzano anche ora) la vostra musica?

B: Inevitabilmente le prime influenze che ti arrivano sono quelle della musica che ascoltano i tuoi genitori, finché non inizi ad ascoltare musica per conto tuo. Io e Linus abbiamo iniziato a collezionare vinili quando eravamo molto piccoli, per cui tutti i nostri ascolti sono stati importanti. E quando ti metti a scrivere musica inevitabilmente, senza accorgerti, vai ad attingere a quelle risorse dentro di te, con cui sei cresciuto. Per quanto mi riguarda mi hanno influenzato i Depeche Mode, i dischi della Motown Records…ma un po’ di tutto in verità.

Negli anni avete lavorato come produttori e autori per moltissimi artisti: cosa vi ha lasciato questa esperienza?

B: Abbiamo una lunga strada dietro di noi prima della nascita dei Galantis: tutti questi anni in studio a scrivere canzoni per altri ci ha fornito molti strumenti, e ovviamente tutta l’esperienza che abbiamo maturato finora ha influenzato il nostro sound di oggi.

Nel 2017 avete suonato sul palco di un grandissimo festival, il Lollapalooza a Berlino, in contemporanea con i Foo Fighters. Il Lollapalooza è un contesto in cui – grazie alla presenza di palchi diversi – si incontrano facilmente generi musicali molto diversi tra loro: voi che fate musica dance seguite il rock? Com’è stato suonare davanti a più di 80mila persone?

B. Sì amiamo molto il rock, da sempre, in tutte le sue forme. Com’è suonare davanti a più di 80mila persone? Guarda, quando ti esibisci ad un festival non c’è molta differenza tra suonare davanti a 50mila persone e suonare davanti a 80mila persone. Vedi solo un sacco di persone, ed è grandioso!

Pensi che la vostra musica funzioni di più davanti a migliaia di persone, in un piccolo club, oppure è la stessa cosa?

B: Sono due situazioni diverse, e ci piacciono entrambe. Suonare davanti ad un pubblico ristretto ha valore tanto quanto suonare ad un festival all’aperto.

A proposito di locali tra qualche settimana salirete sul palco del Fabrique di Milano: cosa vi aspettate?

B: Come Galantis per noi sarà la prima volta a Milano, e in Italia. Sicuramente saranno presenti i nostri fan storici, che ci seguono da tempo.

Nel frattempo qualche settimana fa è uscito un vostro nuovo singolo, Tell Me You Love Me: come è nato e in generale come nascono le vostre canzoni? C’è uno di voi in particolare che porta le sue idee in studio o contribuite entrambi?

B: E’ una delle nostre canzoni più ispirate dal sound Motown, di cui ti parlavo prima, molto Jackson 5 per intenderci. Per quanto riguarda invece come nascono le nostre canzoni noi non abbiamo ruoli precisi, ci piace cambiare il modo in cui lavoriamo, seguiamo l’ispirazione. Alcune canzoni del nostro secondo album ad esempio sono diverse perché sono nate on the road, non in studio. Abbiamo scritto l’album mentre eravamo in tour, ed è stata una grande esperienza. Quando ti metti alla prova fai sempre un passo in più come songwriter.

Galantis Milano, info sul concerto al Fabrique

I Galantis faranno ballare il pubblico italiano venerdì 16 febbraio al Fabrique di Milano, unica data in Italia, e ad aprire il loro set si alterneranno Cid e Pat Lok. I biglietti sono già disponibili in prevendita su TicketOne e Vivaticket (posto inico € 25,00 + € 3,75 diritti di prevendita).

Vuoi condividere questo post?Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito web si serve di cookies. I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati collocano all’interno di computer, telefoni o altri dispositivi, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita dell’utente.
Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi presenti sul sito che si sta visitando.
I cookie sono necessari per agevolare la navigazione e renderla più semplice, non danneggiando in alcun modo il computer.
Noi utilizziamo:
Cookie di analisi
Usiamo i cookie di Google Analytics per quantificare il numero di utenti che visitano il nostro sito. Possiamo inoltre misurare e analizzare come i nostri utenti navigano nel nostro sito. Tali informazioni ci consentono di migliorare costantemente i nostri servizi e la tua esperienza.
Per maggiori informazioni visita la pagina sulla privacy di Google Analytics. http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html
Cookie di terze parti
Alcune sezioni del sito utilizzano cookies di terze parti per garantire le interazioni con i social networks (ad esempio i tasti “Mi piace” o “Condividi” di Facebook, o il pulsante “+1″ di Google+).
Per maggiori informazioni:
Google+ http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/cookies – http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing
Facebook https://www.facebook.com/about/privacy – accedere al proprio account, sezione privacy
In nessun caso verranno raccolti dati di carattere personale. I cookie hanno un periodo di validità massimo di 2 anni. Navigando nel nostro sito web, accetti che questi cookie vengano scaricati sul tuo dispositivo e che acquisiamo dei dati durante le tue visite future.
Le informazioni memorizzate nei cookie del nostro sito web sono usate esclusivamente da noi, ad eccezione di quelli raccolti da terze parti (google analytics).
E possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser: la navigazione non autenticata sul sito sarà comunque disponibile in tutte le sue funzionalità. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell’help del software normalmente disponibile attraverso il tasto F1):
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Google Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Bloccare%20i%20cookie
Apple Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/
Adobe (plug-in for flash cookies): http://www.adobe.com/security/flashplayer/articles/lso/
In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo di opt-out fornito da Google per i browser principali. Ricorda che eliminando i nostri cookie o disattivando cookie futuri potresti non accedere ad alcune sezioni o funzionalità del sito.

Chiudi