COBAIN: MONTAGE OF HECK, DUE COSE (OVVERO UNA SPECIE DI RECENSIONE)

e anche io ho dato il mio contributo #Cobain #montageofheck #cinema

Un post condiviso da Arianna Ascione (@aririot) in data:

Ad un orario così infame che ti viene da chiedere perché lo abbiano trasmesso, ieri sera (12 luglio) in occasione del decimo compleanno di Virgin Radio, subito dopo Radio Rock e lo speciale realizzato al Firenze Rocks su Italia 1 hanno passato Cobain: Montage Of Heck, il documentario del 2015 del regista Brett Morgen sulla vita di Kurt Cobain. Ai tempi dell’uscita nelle sale avevo scritto qualche riga, una sorta di recensione, che ho pensato di riproporvi.

***

Cobain: Montage Of Heck

Se arrivate in sala avendo letto negli anni tutto lo scibile e visto tutti i filmati esistenti sull’argomento, questo film vi sarà insufficiente: Cobain: Montage Of Heck in realtà non è la grande rivelazione che molti prospettavano, se il messaggio “peace, love, empathy” l’avevate già ricevuto a suo tempo forte e chiaro.

Cobain ha un problema enorme a monte. Il racconto della sua vita – una parabola breve, tossica e tragica – si è trasformato da subito in un’agiografia, che riduce tutto in “lo ami/lo odi” (come se una vicenda così complessa come la sua si possa semplificare su questi due soli binari). E parlarne senza banalizzare, o mitizzare troppo, è estremamente difficile, per non rischiare di penzolare da una parte piuttosto che dall’altra.

Cobain: Montage of Heck mi è piaciuto, sia chiaro, ed è un documentario che va assolutamente visto più volte perchè in diversi passaggi non riesci a rivivere a dovere tutte le ricchissime sfumature di una personalità come quella di Kurt, quella artistica e quella personale (specialmente nella prima parte della pellicola, quella più incentrata sugli anni pre-Nirvana, con più materiale inedito). Ma, specialmente se in quegli anni eri troppo piccolo e quindi non hai vissuto l’epopea in diretta, ne vorresti di più. Viste le premesse: 8 anni di lavoro, ampio e libero accesso al materiale privato di casa Cobain, interviste ai protagonisti dell’epoca (estremamente ridotte purtroppo, specialmente quella più ‘vera’, commossa e lucida di tutte, quella a Krist Novoselic).

Però alla fine, di un “Montage of Heck” si tratta: “Montage of Heck”, ovvero ‘montaggio del cacchio’, un’accozzaglia di idee libere registrate in presa diretta, senza rifacimenti e nuovi take, e senza pretese pur nel paradosso dei tempi biblici di lavorazione. Un film che punta all’autenticità, e dalle velleità punk nel senso più nobile del termine, con la benedizione di Frances Bean.

Il momento che più rappresenta lo scopo del film, se di ‘scopo’ vogliamo parlare, è racchiuso in una scena: viene passato, insieme al supporto visivo di un cartoon, un nastro audio che immortala Kurt nell’atto di registrare una canzone. Ad un certo punto la magia si interrompe perchè arriva una banalissima telefonata. E poi subito dopo riprende a fare musica.

Una cassettina del cazzo registrata in casa con un recorder di merda: ce ne vorrebbero mille e mille altri di quei nastri, un Cobain: Montage of Heck 2, 3, 5, mille.

ps. sull’attitudine ‘true’ dei Nirvana, che hanno ancora tantissimo da insegnare oggi a quei gruppi lagnosi fashion-before-passion che vi piacciono così tanto, sulle canzoni che “provate oggi, 25 anni dopo, a scrivere dei pezzi così”, e sui suoni da paura di quei soli quattro dischi registrati da alcuni dei maggiori spaccaculi produttori artistici in campo indie(pendenti – Albini, Vig, Endino), che hanno contribuito a consacrare l’arte di una band a volte ingiustamente snobbata perchè ‘ha venduto tanto’, se volete ne parliamo un’altra volta.

Vuoi condividere questo post?Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito web si serve di cookies. I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati collocano all’interno di computer, telefoni o altri dispositivi, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita dell’utente.
Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi presenti sul sito che si sta visitando.
I cookie sono necessari per agevolare la navigazione e renderla più semplice, non danneggiando in alcun modo il computer.
Noi utilizziamo:
Cookie di analisi
Usiamo i cookie di Google Analytics per quantificare il numero di utenti che visitano il nostro sito. Possiamo inoltre misurare e analizzare come i nostri utenti navigano nel nostro sito. Tali informazioni ci consentono di migliorare costantemente i nostri servizi e la tua esperienza.
Per maggiori informazioni visita la pagina sulla privacy di Google Analytics. http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html
Cookie di terze parti
Alcune sezioni del sito utilizzano cookies di terze parti per garantire le interazioni con i social networks (ad esempio i tasti “Mi piace” o “Condividi” di Facebook, o il pulsante “+1″ di Google+).
Per maggiori informazioni:
Google+ http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/cookies – http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing
Facebook https://www.facebook.com/about/privacy – accedere al proprio account, sezione privacy
In nessun caso verranno raccolti dati di carattere personale. I cookie hanno un periodo di validità massimo di 2 anni. Navigando nel nostro sito web, accetti che questi cookie vengano scaricati sul tuo dispositivo e che acquisiamo dei dati durante le tue visite future.
Le informazioni memorizzate nei cookie del nostro sito web sono usate esclusivamente da noi, ad eccezione di quelli raccolti da terze parti (google analytics).
E possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser: la navigazione non autenticata sul sito sarà comunque disponibile in tutte le sue funzionalità. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell’help del software normalmente disponibile attraverso il tasto F1):
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Google Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Bloccare%20i%20cookie
Apple Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/
Adobe (plug-in for flash cookies): http://www.adobe.com/security/flashplayer/articles/lso/
In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo di opt-out fornito da Google per i browser principali. Ricorda che eliminando i nostri cookie o disattivando cookie futuri potresti non accedere ad alcune sezioni o funzionalità del sito.

Chiudi