NIENTE PIU’ ROCK PER I GIOVANI MASCHI ARRABBIATI (BONO E LA MUSICA “VERY GIRLY”)

Bono, frontman degli U2 e primo uomo ad aver ricevuto il Glamour Women of the Year Award, in un’intervista a Rolling Stone (qui la potete leggere integralmente), interrogato in merito ad una rivoluzione rock’n’roll dietro l’angolo, ha descritto l’attuale scena musicale come “very girly”.

Ma girly in che senso? 

Nel senso che ci sono molte donne in classifica – come suggerisce questo pezzo del Telegraph – oppure, come indica l’Evening Standard, se guardiamo tutto quello che viene dopo (l’accenno alla rabbia che sarebbe venuta a mancare nella musica fatta eccezione per l’hip-hop fatto da giovani maschi arrabbiati cit.), il termine girly viene usato da Bono in senso negativo, anche se ci sono dei lati positivi (ah beh grazie)?

L’accezione di quell’aggettivo insomma non è molto definita perché chi ha realizzato l’intervista non ha fatto ulteriori domande in merito, ma una cosa è certa: il 2017 è un anno in cui abbiamo abbondantemente discusso di sessismo, maschilismo, di stereotipi da combattere che ingabbiano maschi e femmine, di emozioni e di necessità di esprimerle anche con le lacrime perché non c’è niente di male (ne abbiamo parlato specialmente dopo il suicidio di Chris Cornell e Chester Bennington) e, nonostante questo, eccoci qui, ancora punto e a capo.

Quell’aggettivo, girly, sembra infatti proprio essere stato usato in senso dispregiativo, qualsiasi sia l’interpretazione:

1- Se la musica è diventata più femminile, nel senso che ci sono molte donne, Bono intende che queste ultime stanno come ‘rubando’ il posto ai giovani maschi arrabbiati? Che così avrebbero spazio solo nell’hip-hop, and that’s not good?

2- Se solo nell’hip-hop i giovani maschi arrabbiati hanno spazio – perché il rock non possiede più la rabbia di un tempo – l’essere femminile per la musica è una caratteristica negativa? Essere femminile=senza rabbia? In tal caso ci chiediamo: perché l’essere femminile ha ancora un senso negativo in tantissimi contesti?

Probabilmente quella di Bono è una gaffe inconsapevole – perché alcuni modi di dire e di pensare sono ancora profondamente radicati dentro di noi a livello culturale – ma ci mostra perfettamente quanto lavoro ci sia ancora da fare su questi argomenti. Per cui vorrei mostrargli questo video realizzato dall’agenzia Leo Burnett per Procter & Gamble nel 2014 in cui si prova a dare una risposta alla domanda cardine che ho segnalato poco fa ovvero “When did the phrase ‘like a girl’ become so negative?” (trad. “Quando l’espressione ‘come una ragazza’ ha assunto un senso negativo?”). Qualunque fossero le sue intenzioni utilizzando quel termine, rinfrescare la memoria non fa mai male.

Vuoi condividere questo post?Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito web si serve di cookies. I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati collocano all’interno di computer, telefoni o altri dispositivi, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita dell’utente.
Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi presenti sul sito che si sta visitando.
I cookie sono necessari per agevolare la navigazione e renderla più semplice, non danneggiando in alcun modo il computer.
Noi utilizziamo:
Cookie di analisi
Usiamo i cookie di Google Analytics per quantificare il numero di utenti che visitano il nostro sito. Possiamo inoltre misurare e analizzare come i nostri utenti navigano nel nostro sito. Tali informazioni ci consentono di migliorare costantemente i nostri servizi e la tua esperienza.
Per maggiori informazioni visita la pagina sulla privacy di Google Analytics. http://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html
Cookie di terze parti
Alcune sezioni del sito utilizzano cookies di terze parti per garantire le interazioni con i social networks (ad esempio i tasti “Mi piace” o “Condividi” di Facebook, o il pulsante “+1″ di Google+).
Per maggiori informazioni:
Google+ http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/cookies – http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing
Facebook https://www.facebook.com/about/privacy – accedere al proprio account, sezione privacy
In nessun caso verranno raccolti dati di carattere personale. I cookie hanno un periodo di validità massimo di 2 anni. Navigando nel nostro sito web, accetti che questi cookie vengano scaricati sul tuo dispositivo e che acquisiamo dei dati durante le tue visite future.
Le informazioni memorizzate nei cookie del nostro sito web sono usate esclusivamente da noi, ad eccezione di quelli raccolti da terze parti (google analytics).
E possibile negare il consenso all’utilizzo dei cookie selezionando l’impostazione appropriata sul proprio browser: la navigazione non autenticata sul sito sarà comunque disponibile in tutte le sue funzionalità. Di seguito forniamo i link che spiegano come disabilitare i cookie per i browser più diffusi (per altri browser eventualmente utilizzati suggeriamo di cercare questa opzione nell’help del software normalmente disponibile attraverso il tasto F1):
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Google Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Bloccare%20i%20cookie
Apple Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/
Adobe (plug-in for flash cookies): http://www.adobe.com/security/flashplayer/articles/lso/
In alternativa è possibile disabilitare soltanto i cookie di Google Analytics, utilizzando il componente aggiuntivo di opt-out fornito da Google per i browser principali. Ricorda che eliminando i nostri cookie o disattivando cookie futuri potresti non accedere ad alcune sezioni o funzionalità del sito.

Chiudi